Glossario

Il Glossario, ovvero tutta la terminologia che ti serve per comprendere meglio questo sport. In questo caso si tratta nientemeno (almeno per la maggior parte) che la traduzione di termini dalla lingua giapponese, visto che nella maggior parte dei casi, sia il nome della tecnica che della posizione o della azione eseguita, corrisponde alla traduzione giapponese letterale del movimento eseguito o della posizione assunta:

A

Ai: Unione

Aka: rosso

Arashi: tempesta

Ashi: piede

Ashi guruma: ruota sulla gamba

Ashi waza: tecniche di gamba

Atemi waza: tecniche di attacco ai punti vitali

Ayumi ashi: camminare normalmente

B

Barai (harai): Spazzare

Bogyo waza:Tecniche di difesa

 

C

 

Chokuritsu shisei: posizione eretta, tenendo i talloni uniti

 

D

Dan: grado

De ashi barai: spazzare il piede avanzante

Do: via, metodo di vita

Do jime: soffocamento al tronco

Dojo: luogo per apprendere la via

Dori: prendere, afferrare

E

Eri: Bavero

Eri jime: strangolamento con il bavero

Eri seoi nage: proiezione con il dorso per un bavero

F

Fusegi: difesa

Fusen gachi: vittoria per abbandono

G

Gaeshi (kaeshi): rovesciare, contrattaccare

Gaeshi waza (kaeshi waza): rovesciare, contrattaccare

Gake: Agganciamento

Gari (kari): Falciare

Gatame (katame): Controllo

Geiko (keiko): Allenamento

Gi: mente

Go: rompere, bloccare. Difesa

Go kyo: cinque principi

Go no sen: principio del contrattacco

Goshi (koshi): Anca

Guruma (kuruma): Ruota

Gyaku: Inverso

Gyaku juji jime: strangolamento incrociato con presa inversa

H

Hadaka jime: strangolamento a mani nude

Hairi kata: forme di entrata, forme per arrivare ad un controllo

Hajime: cominciate

Hane makikomi: saltare arrotolandosi

Hanma: tecnica terapeutica

Hansoku make: sconfitta per squalifica

Hantei: decisione

Happo no kuzushi:8 squilibri fondamentali

Hara: addome, ventre

Hara gatame: controllo con il ventre

Harai goshi: spazzare con l’anca

Harai tsurikomi ashi: spazzare con il piede tirando e sollevando

Hidari: sinistro

Hiji: gomito

Hiji otoshi: proiezione per i gomiti

Hikidashi:Tirar fuori dall’equilibrio

Hishigi: teso

Hiza: ginocchio

Hiza guruma:Ruota sul ginocchio

Hiza kashira: rotula del ginocchio

Hon: fondamentale

Hon gesa gatame: controllo a fascia fondamentale

Hoten jime: strangolamento girando sul fianco

I

Inn: negativo

Ippon: Punto

Ippon Seoi Nage:proiettare sul dorso da un punto

Itsutsu no kata: forma dei cinque

J

Jidai: periodo

Jigo hontai: posizione fondamentale di difesa

Jikan: tempo

Jime (shime): strangolamento

Jin: uomo, persona

Jita yu wa kyoei: amicizia e mutua prosperità

Jokai: tecnica di massaggio

Joseki: lato d’onore

Ju: cedevole, morbido

Ju jutsu: arte della cedevolezza

Ju no kata: forma della cedevolezza

Judo: via della cedevolezza

Judogi: indumento per la pratica del judo

Judojo: luogo per la pratica del judo

Judoka: praticante del judo

Juji: a croce

Jujutsukas: chi pratica il J.J.

Jutsu: arte

K

Kachi: vittoria

Kagari geiko (kakari geiko): allenamento speciale (con resistenza)

Kai: società, centro

Kaiten ukemi: caduta rotolata

Kakae Jime:strangolamento per abbraccio

Kakato: tallone

Kake: il momento della proiezione

Kakke ai: esercizio di unione di tutte le proprie forze nella proiezione; studio della proiezione.

Kami: dei, al di sopra

Kami shiho gatame: controllo su quattro punti da dietro

Kannuki gatame: controllo del braccio di traverso

Kansetsu waza: tecniche di lussazione alle articolazioni

Karate: mano vuota

Kashira: la testa

Kashira gatame: controllo della testa

Kata: forma, esercizio per lo studio di elementi interiori della pratica dello judo.

Kata gatame: controllo alla spalla

Kata guruma: ruota sulle spalle

Kata ha jime: strangolamento ad ala

Kata juji jime: strangolamento incrociato con un braccio

Kata osae gatame: controllo immobilizzando la spalla

Katame: controllo

Katame no kata: forma dei controlli

Katate jime: strangolamento con una sola mano

Kawazu gake: agganciamento attorcigliando la gamba dell’avversario

Keiko: allenamento.

Keikoku: penalizzazione

Kendo: via della spada

Kenjutsu: arte della spada

Kesa gatame: controllo a fascia

Ki: energia

Kiai: concentrazione dello spirito attraverso un grido

Kiken gachi: vittoria per abbandono

Kime: estrema decisione.

Kime no kata: forma della decisione

Kion Kumi Kata:Presa fondamentale

Kito ryu: scuola di ju jutsu

Ko budo: le forme di combattimento con armi (nunchaku, tonfa, sai, ecc.)

Ko soto gake: piccolo agganciamento esterno

Ko soto gari: piccola falciata esterna

Ko uchi gake: piccolo agganciamento interno

Ko uchi gari: piccola falciata interna

Ko uchi makikomi: piccolo arrotolamento interno

Kodokan: luogo per la ricerca della via

Kogeki shisei: posizione di attacco

Kohaku shiai: combattimento, fra bianchi e rossi

Kokoro: spirito, atteggiamento mentale

Kokyu: la respirazione

Komi: dentro, all’interno

Koshi guruma: ruota d’anca

Koshiki no kata: forma delle cose antiche

Kuatsu o Kwappo: tecnica di rianimazione

Kubi: la testa

Kubi nage: proiezione per la testa

Kuchiki Daoshi:crollo dell’albero tarlato

Kumi Kata:Prese

Kuzure kami shiho gatame: variante del controllo su quattro punti da dietro

Kuzure kesa gatame: variante del controllo a fascia

Kuzure yoko shiho gatame: variante del controllo su quattro punti di lato

Kuzushi: squilibrio

Kyoshi: grado di insegnante

Kyoshi: posizione inginocchiata con un ginocchio alzato

Kyu: classe

Kyuba no michi: via dell’arco e del cavallo

Kyusho: punti vitali del corpo

M

Ma ai: la giusta distanza

Ma sutemi waza: tecniche di sacrificio sul dorso

Mae: avanti

Mae Mawari Ukemi:caduta rotolata in avanti

Mae Ukemi:caduta in avanti

Mairi: l’azione di resa

Maitta: mi arrendo

Maki tomoe: arrotolamento circolare

Makikomi: arrotolarsi dentro

Mata: coscia

Mate: fermi

Mawarikomi:ruotare all’interno

Migi: destro

Mochiage otoshi: sollevare e proiettare con entrambe le braccia

Mokusa: metodo di cura per mezzo di bruciature con fiore di artemisia

Morote: entrambe le mani

Morote Gari:falciare con entrambe le mani

Morote Jime:strangolamento a due mani

Morote Seoi Nage:lancio sul dorso con due prese

Mune gatame: controllo del petto

N

Nage: lancio

Nage no kata: forma delle proiezioni

Nage waza: tecniche di proiezione.

Nami juji jime: strangolamento incrociato con presa normale

Naname: diagonale

Ne kata: metodo per portarsi a terra

Ne waza: tecnica al suolo

Nogare kata: forma dei rovesciamenti

O

O: grande

O guruma: grande ruota esterna

O soto gari: grande falciata esterna

O soto guruma: grande ruota esterna

O uchi gari: grande falciata interna

Obi: cintura

Obi otoshi: proiezione con presa in cintura

Obi tori: prendere la cintura

Ogoshi: grande anca

Oikomi:entrare all’interno velocemente

Oki kata: metodo per rialzarsi

Okuri ashi barai: spazzare entrambi i piedi

Okuri eri jime: strangolamento con entrambi i baveri

Omote: diritto, nello stesso senso

Osae: bloccaggio, immobilizzazione

Osae komi: immobilizzazione

Osae waza: tecniche di immobilizzazione

Otoshi: caduta (sul posto)

R

Randori: pratica, esercizio libero.

Randori no kata: esercizio di forma che comprende il

Nage e il Katame no kata

Rei: Saluto.

Rei no kokoro: spirito del rispetto.

Rei no shikata: forma del saluto

Renraku waza: tecniche in combinazione.

Renshu: allenamento

Renzoku Waza:tecniche di attacco continuo

Ritsurei: li saluto eseguito dalla posizione eretta

Ryo: due

Ryu: Scuola

S

Sabaki: girare, spostarsi

Sankaku: triangolo

Sasae tsurikomi ashi: trattenere il piede tirando e sollevando

Seiryoku zen’yo kokumin taiiku no kata: esercizio di forma basato sul principio della massima efficienza

Seiza: la posizione inginocchiata

Sen: principio dell’attacco, iniziativa

Sen no sen: attaccare nel momento dell’attacco dell’avversario

Sensei: Maestro

Senshuken: campionato

Seoi: Dorso

Seoi nage: lancio con l’uso prevalente del dorso

Seoi otoshi: lancio con l’uso prevalente del dorso con caduta sul posto

Shiai: incontro arbitrato.

Shibori waza: tecniche di strangolamento

Shihan: da imitare

Shiho: quattro punti, direzioni

Shikko: camminare sulle ginocchia

Shime waza: tecniche di strangolamento

Shin: mente, spirito

Shinban: arbitro

Shinken shobu waza: tecniche del combattimento reale

Shintai: spostamenti, modi di camminare

Shisei: posizioni

Shizen hontai: posizione naturale fondamentale

Shobu: combattimento

Sode: manica

Sode Guruma Jime:strangolamento con rotazione delle mani

Sode Tsurikomi Goshi:Colpo d’anca pescando e sollevando con la manica

Sotai renshu: allenamento a due (senza resistenza)

Soto: esterno

Soto makikomi: arrotolamento esterno

Sukui nage: proiezione a cucchiaio

Sumi: angolo

Sumi gaeshi: rovesciamento nell’angolo

Sumi otoshi: caduta nell’angolo

Sutemi waza: tecniche con il sacrificio dell’equilibrio del corpo per proiettare l’avversario

Suwari Seoi:Sollevare sul dorso su entrambe le ginocchia

T

Tachi rei: saluto in piedi

Tachi waza: tecniche eseguite dalla posizione eretta

Tai: corpo

Tai otoshi: caduta del corpo

Tai sabaki: spostamenti del corpo con rotazione

 

Tama Guruma:ruota a palla

Tanden: baricentro del corpo, 3 cm. sotto l’ombelico

Tandoku renshyu: allenamento da soli

Tani otoshi: caduta nella valle

Tanto:pugnale

Tatami: materassine in paglia di riso pressata

Tate: di fronte

Tate shiho gatame: controllo frontale su quattro punti

Tawara: sacco

Tawara gaeshi: rovesciamento del sacco

Te: mano

Te waza: tecniche di braccio e mano

Tekubi: polsi

Tenjin shin’yo ryu: scuola di ju justu

Tobi Komi:saltare dentro

Tokui waza: tecnica preferita

Toma: distanza lontana, circa m. 1,50

Tomoe nage: proiezione a cerchio

Tori: colui che esegue e conclude l’azione

Tsugi ashi: camminare tenendo un piede sempre dietro l’altro

Tsukkomi jime: strangolamento spingendo direttamente

Tsukuri: preparazione dell’attacco

Tsuri: tirare e sollevare

Tsuri goshi: colpo d’anca sollevando

Tsuri komi goshi: colpo d’anca tirando e sollevando

U

Uchi: interno (colpire)

Uchi makikomi: arrotolamento interno

Uchi mata: colpire internamente

Uchikomi: ricerca del contatto.

Ude garami: avvolgere il braccio

Ude hishigi hara gatame: controllo del braccio teso con l’addome

Ude hishigi hiza gatame: controllo col ginocchio al braccio teso

Ude hishigi juji gatame: controllo a croce del braccio teso

Ude hishigi ude gatame: controllo del braccio teso con le braccia

Ude hishigi waki gatame: controllo del braccio teso con l’ascella

Uke: colui che subisce l’azione

Ukemi: rottura dell’equilibrio (caduta)

Uki gatame: controllo fluttuante

Uki goshi:colpo d’anca fluttuante

Uki otoshi: caduta fluttuante

Uki waza: tecnica fluttuante

Ura: rovescio

Ura nage: proiezione rovesciata

Ura shiho gatame: controllo su quattro punti da dietro al rovescio

Ushiro goshi: colpo d’anca all’indietro

Ushiro ukemi:caduta all’indietro

Utsuri goshi: colpo d’anca in contrattacco

W

Waki: ascella

Waki gatame: controllo con l’ascella

Waki otoshi: proiezione con l’ascella

Wakizashi:Spada compagna

Waza: tecnica.

Waza ari: mezzo punto

Y

Yakusoku geiko: esercizio con proiezioni alternate

Yama: montagna

Yama arashi: tempesta sulla montagna

Yawara: cedevolezza, armonia, antica scuola di ju jutsu.

Yo: positivo

Yoko: laterale

Yoko gake: agganciamento laterale

Yoko guruma: ruota sul fianco

Yoko otoshi: caduta laterale

Yoko shiho gatame: controllo su quattro punti dal fianco

Yoko sutemi: tecniche di sacrificio sul fianco

Yoko tomoe: proiezione a cerchio sul fianco

Yoko ukemi: rottura di caduta laterale

Yoko wakare: separazione sul fianco

Yon (shi): quattro

Yoroi kumiuchi no jidai: periodo dei combattimenti con l’armatura

Yusei gachi: vittoria per superiorità

Z

Zanshin: corretta attenzione, continuità dell’attenzione,

prima, durante e dopo l’azione

Zarei: saluto in posizione inginocchiata

Zempho kaiten ukemi: caduta rotolata avanti

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail